BLOG
поздравления с новорожденным

IL BLOG DI TI EDUCO IL CANE

Ti educo il cane

Aiutare cane e proprietario a comprendersi e gettare le basi educative per una serena convivenza

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Categories
    Categories Displays a list of categories from this blog.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Team Blogs
    Team Blogs Find your favorite team blogs here.
  • Login
    Login Login form

LA MIA CAGNA ASPETTA I CUCCIOLI - Parte 1°

Posted by on in I PERIODI SENSIBILI: DA FETO A CANE ADULTO
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 1514
  • Subscribe to this entry
  • Print

CONSIGLI PRATICI PER PROPRIETARI ALLE "PRIME ARMI" 

Ultimamente, nel corso delle mie "scorribande virtuali" nel social network, mi capita sempre più spesso di imbattermi in annunci di proprietari, alla ricerca del "partner ideale" per far accoppiare il loro cane. 

Molti proprietari, sono convinti che il loro compagno a 4 zampe, abbia "bisogno" di accoppiarsi almeno una volta nella vita, inconsapevoli del fatto che in realtà stanno proiettando sull'animale un bisogno che non gli appartiene. 

Chi possiede una femmina, è portato a pensare che la gravidanza magicamente risolverà il problema delle pseudogravidanze, altre volte invece, desidera "vivere" la straordinaria esperienza della nascita attraverso il proprio cane. 

Prima di proseguire, vorrei precisare che lo scopo di questo articolo, non è quello di dissuadere i proprietari dal far accoppiare il proprio cane, ne quello di affrontare tematiche legate all'importanza della selezione e della prevenzione delle patologie genetiche, in quanto queste problematiche andrebbero prese in esame molto prima del concepimento stesso.

Ciò che mi preme, è dare informazioni corrette e sottolineare che se vogliamo dar vita a cuccioli sani ed equilibrati, dobbiamo pensare al loro benessere, ancor prima della nascita.

E qui, apro una nota dolente, in quanto a volte sono gli allevatori stessi che pur ponendo attenzione alla selezione delle razze e all'aspetto sanitario della gravidanza, sono carenti sotto il profilo etico, legato al benessere psicofisico dell'animale.

NEL VENTRE MATERNO 

Se la madre è ansiosa...

E' possibile accertare lo stato di gravidanza della cagna, tramite un indagine ecografica, soltanto a partire dal 21/25° giorno dal concepimento. La gestazione che ha una durata media di 61-63 giorni, normalmente non da origine a evidenti cambiamenti nel corso del primo mese. 

Studi condotti in materia, hanno rilevato che intorno al 45° giorno di gestazione, i feti cominciano a interagire tra loro e con la madre, attraverso le secrezioni ormonali che circolano nel sangue. La quantità degli ormoni, cambia a seconda del grado di stress della gestante e influisce sul livello di reattività dei cuccioli.

Quando la madre è sottoposta a uno stress di qualunque tipo, presenta contrazioni violente in diverse parti dell'intestino e dell'utero che provocano nel cucciolo, movimenti rotatori e dal basso verso l'alto, di durata variabile in base all'intensità della reazione della madre. 

Ne deriva che i cuccioli di madri sottoposte a forti tensioni e a rumori continui, presenteranno sin dalla nascita, un comportamento tendente allo stress cronico.

Naturalmente, se la madre soffre a priori di disturbi ansioni, avrà in ogni caso la tendenza, non genetica ma congenita, di influenzare il comportamento della propria prole. 

Per tale motivo, si suggerisce di fare in modo che durante la gravidanza, la cagna viva in un ambiente protetto e lontano dagli stress, così che lo stato emotivo e il comportamento esploratorio dei cuccioli che nasceranno, siano ottimali. 

Il feto acquisisce competenze...

A partire da 20 giorni prima della nascita, il feto possiede competenze tattili ed è quindi in grado di percepire le carezze, attraverso il ventre della madre. 

Accarezzare dolcemente il pancione della cagna è molto importante, perchè permette di stimolare i cuccioli, predisponendoli a una maggior tolleranza alle future manipolazioni da parte dell'uomo.

Nello stesso periodo, inizia a compiere i primi movimenti di suzione di una zampa e del cordone ombelicale, fatto assai curioso, se si pensa che anche nei soggetti adulti, leccarsi una zampa è uno dei comportamenti messi in atto per calmare la tensione emotiva.

 

 

 

 

 

 

©Carla Barbetta
0
Trackback URL for this blog entry.
Educatore Cinofilo in ambito pedagogico con approccio cognitivo-zooantropologico riconosciuto FICSS e CSEN Cinofilia a livello Nazionale
Consulente Educativo CReA
Esperta nella relazione uomo-animale
Tecnico Mobility Dog

FACEBOOK